Indice

Cosa vedere a Venezia: Le 10 migliori cose da fare e visitare

0
(0)

Se stai organizzando la tua vacanza in Veneto, e vuoi scoprire cosa vedere a Venezia, allora ti consiglio di dare un’occhiata qui!

In questo articolo-guida, voglio darti dei suggerimenti per ottimizzare il tuo viaggio a Venezia una delle città più belle d’Italia e goderti la città con le migliori attrazioni. Questa guida è molto utile nel caso tu volessi fare itinerari di 1, 2 o 3 giorni.

Come per tutte le grandi città, anche Venezia ha due modi per essere visitata: il primo, è seguire la tendenza turistica a spostarsi in modo veloce e visitare in poche ore quello che si puà vedere con un percorso prestabilito (quello che scelgono circa 20 milioni di turisti all’anno), oppure uscire da questa specie di gabbia, e provare una sensazione nuova scoprendo Venezia da un’altra prospettiva.

cosa vedere a Venezia
Cosa vedere a Venezia

Puoi certamente decidere di arrivare in Piazza San Marco, o salire sul Ponte di Rialto per goderti il Canal Grande, ma puoi anche scoprire Venezia fuori dall’ordinario. Ad esempio, invece che fermarti ad ammirare le facciate di alcuni edifici importanti, potresti visitarli all’interno e scoprire le sue grandi bellezze!

Questo succede quando entri nella Galleria dell’Accademia, nella Scuola Grande di San Rocco o nella Chiesa di Frari. Qui dentro, osserverai delle architetture fini e meravigliose, che ti raccontano la vera storia della città. Con questo articolo-guida non ho la pretesa di farti vedere tutto, ma quello che secondo me, è il meglio per un tempo a disposizione di 3 giorni o più.

Cosa vedere a Venezia in 10 punti: Ecco la guida completa

Come promesso ti porterò alla scoperta del capoluogo del Veneto. Pronto per questo viaggio sul cosa vedere a Venezia? Partiamo!

1. Piazza San Marco

Quando si parla di cosa vedere a Venezia, la prima cosa che ti viene in mente, è certamente Piazza San Marco. È un grande piazzale dove è presente anche la Basilica, con i piccioni sempre pronti a beccare qualche briciola. Sicuramente, è l’immagine collettiva più famosa di Venezia.

Prima che qui fossero portate le reliquie di San Marco, e quindi prima che venne edificata la Basilica, quest’area era solo un grande orto, dove passava il rio Batario, che successivamente è stato interrato per volontà del Doge Vitale II MIchiel. Inoltre, devi sapere che a Venezia, Piazza San Marco, è l’unico ampio spazio che può essere definito piazza. Tutte le altre aree con caratteristiche uguali o simili sono definite come “campi“.

Durante gli anni della Serenissima Rupubblica, questa piazza ospitava tornei, fiere, processioni e la caccia ai tori. Oggi, come ben avrai sentito, è circondata da bar piuttosto costosi.

2. Canal Grande

Qui a Venezia, si chiama “Canalazzo“, che non è detto in tono dispregiativo, ma solo un modo locale di chiamare il canale stesso.
Devi sapere che Gran Canale, passa a vebezia per ben 4km, spartendo in due il centor storico. Il canale è molto più antico di Venezia e ha una forma rovesciata ad S (in alcune zone, raggiunge profondità di 5 metri).

Anche per quanto riguarda la larghezza ci sono zone dove varia e può ragigungere anche i 70 metri. Se vuoi vedere Venezia da un punto di vista differente, allora devi fare il Tour sul Canale Grande, che va dalla stazione ferroviaria di Santa Lucia fino a Piazza San Marco. Avrai modo di ammirare un ottimo panorama.

La cosa bella del tour nel Canal Grande, è che ci sono tanti palazzi che si affacciano sul corso d’acqua, e questo crea senza dubbio ottimi spunti per godersi questo tour. Infatti, noterai non solo i palazzi, i loro colori e la loro architettura, ma anche i vicoletti nascosti che si intravedono durante la navigazione verso Piazza San Marco. Come avrai sempre sentito dire, Venezia è una delle città più amate al mondo, da sempre. E di motivi ce ne sono tanti per davvero.

Questo punto della guida sul cosa vedere a Venezia, è un buon punto di partenza per inserirsi in città.

3. Il Ponte di Rialto e gli altri ponti

Quando parlaimo di cosa vedere a Venezia, dobbiamo citare i ponti.
Lo sapevi che a Venezia sono presenti 354 ponti? Venezia è una città che ha un forte bisogno di ponti, questo perché servono a collegare le varie parti della città e facilitare gli spostamenti. Questa esigenza, con il tempo, si è trasformata in una nota catatteristica veneziana, con le mezze lune dei ponti che si incontrano lungo i vari canali.

Il più celebre dei pinti in città, è sicuramente il Ponte dei Sospiri. Questo particolare nome non deriva dal passaggio degli innamorati (con i loro “sospiri”), ma pare che derivi dai “sospiri” attribuiti ai condannati, che venivano trasportati nelle vicine carceri. Infatti, ammirando la città per un’ultima volta, si lasciavano prendere dallo sconforto, sospirando.

Naturalmente, il ponte dei Sospiri, si gioca il primato di ponte più famoso, con il Ponte di Rialto!

Nel 1593, il Ponte di Rialto, prese il posto dell’antichissimo ponte fatto di barche di legno, che permetteva di arrivare all’affolatissimo mercato di Rialto. Oggi, questo ponte, che è ricoperto di arcate, è sempre pieno di turisti e persone che lo percorrono. È uno dei maggiori punti fotografici della città, tra i più conosciuti al mondo.

Poi, c’è il Ponte di Venezia o Ponte della Costituzione, che è ben più recente, realizzato dall’architetto Santiago Calatrava. È un lavoro commissionato nel 1997, ma a causa di problemi nella progettazione, dubbi di stabilità ecc., è stato aperto al pubblico solo nel 2008, e nell’anno successivo, ha ottenuto il via libera tecnico definitivo.

Qui sotto, puoi prenotare l’esperienza romantica in gondola, al Ponte di Rialto!

Adesso, passiamo al prossimo punto di interesse dell’articolo-guida sul cosa vedere a Venezia.

4. Palazzo Ducale

Quando palriamo di cosa vedere a Venezia, devo parlarti di Palazzo Ducale. Questo punto di interesse è amatissimo dai veneziani. Infatti, custodisce la loro storia, ed è stato il testimone di importanti tappe per la città.

Il Palazzo si trova dove è sempre stato anche nel periodo della Repubblica, suoerando nel tempo dominazioni, rimanendo sempre lì al suo posto. Durante il trascorrere degli anni, Palazzo Ducale ha avuto vari restyling, obbligatori dopo alcuni incendi. Questa struttura, è sempre stata un centro di importanza politica. Infatti, accoglieva i Dogi della Repubblica di Venezia, ma è stato anche centro amministrativo di Napoleone Bonaparte, che, nel 1797, fece di questo luogo, un posto importante dopo la conquista della città.

L’importanza e il valore dato a questa struttura, si vede anche dal fatto che è stato utilizzato tantissimo denaro per dare una nuova veste al Palazzo, anche se, lo stato italiano, dopo l’unificazione, era pieno di debiti per il fatto di aver preso in carico i bilanci degli stati confluiti nell’unione tricolore. In pratica, venne speso tutto ciò che serviva per questo gioello e simbolo di Venezia.

Trovi aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18, con ingresso ultimo alle 17.
Il costo del biglietto è di 25 euro. È un biglietto unico che comprende Palazzo Ducale + Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale, Sale Monumentali e Biblioteca Nazionale Marciana. I prezzi possono variare con tour e biglietto saltafila, che ti consiglio di prendere da qui sotto:

Per arrivare qui:

  • In Vaporetto: da Piazzale Roma con Linea 1 fermata Vallaresso o San Zaccaria; Linea 2 fermata Giardinetti; Linea 5.1 o Linea 4.1, fermata San Zaccaria.
  • Dalla Stazione Ferroviaria di Venezia Santa Lucia: Linea 1 fermata Vallaresso o San Zaccaria; Linea 2 fermata Giardinetti; Linea 5.1 o Linea 4.1, fermata San Zaccaria.
  • Da Lido di Venezia: Linea 1 fermata Vallaresso o San Zaccaria; Linea 5.2 fermata San Zaccaria.

Palazzo Ducale non poteva mancare in una guida che parla di cosa vedere a Venezia, lo hai capito bene, perché è un simbolo davvero forte per la città.

5. Gallerie dell’Accademia

Cosa vedere a Venezia se vuoi conoscere l’arte?

Se vuoi scoprire la più grande collezione di dipinti veneziani e veneti dal Trecento bizantino e gotico, agli artisti rinascimentali, allora devi visitare le Gallerie dell’Accademia. Devi sapere che qui troverai alcuni nomi molto importanti come: Bellini, Carpaccio, Veronese, Giorgione, Tiepolo, Tintoretto e Tiziano. Ma anche Guardi, Canaletto, Longhi e Bellotto. Questo complesso, unisce la chiesa di Santa Maria della Carità, il Convento dei Canonici Lateranensi e la Scuola Grande di Santa Maria della Carità.

Ma non finisce qui. Infatti troverai anche le opere di Mantegna, di Piero della Francesco, Luca Giordano, Crivelli e Memling. Nel museo, come se non bastasse, ci sono anche alcuni pezzi da novanta di Leonardo da Vinci, l’Uomo Vitruviano. Quest’ultima opera, viene esposta sporadicamente, in quanto la luce va a scolorire l’inchiostro.

Trovi aperto da martedì alla domenica, dalle 8.15 alle 9.15. Il Lunedì invece dalle 8.15 alle 14.
Il biglietto ha un presso di 12 euro. Ti consiglio di dare un’occhiata qui sotto per i biglietti saltafila e tour dedicati:

Per arrivare qui:

  • In Vaporetto: da Piazzale Roma o Ferrovia, vaporetto Linea 2 (direzione Lido), fermata Accademia; vaporetto Linea 1 (direzione lido), fermata Salute o Accademia.
  • Da Piazza San Marco: vaporetto Linea 2 (direzione Piazzale Roma), fermata Accademia; vaporetto Linea 1 (direzione Piazzale Roma), fermata Accademia o Salute.

6. Scuola Grande di San Rocco

La Sala dell’Albergo della Scuola di San Rocco, è splendidamente ricca dei dipinti del maestro Tintoretto. Questa sala è talmente bella, che è comunemente riconsociuta come la Cappella Sistina di Venezia.

In passato, la Scuola Grande di San Rocco, è stata sede di una confraternita di veneziani ricchi, che dedicavano il loro tempo ad opere di beneficenza. Qui, è custodito anche il corpo di San Rocco, da qui il nome.
Tintoretto, ottenne l’incarico dalla confraternita di decorare questo luogo nel 1564. Ci sono voluti circa 24 anni, dove lui e i suoi studenti, andarono a realizzare delle grandi tele nella Sala Terrena e in quella dell’ALbergo. Queste opere, raffigurano la vita di Cristo ed episodi della Bibbia. Sono opere di straordinaria bellezza, devi assolutamente vederle!

Trovi aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 17.30 (la biglietteria chiude alle 17).
Per l’ingresso e il biglietto saltafila, guarda dai link qui sotto:

Per arrivare qui:

  • In vaporetto: dalla stazione ferroviaria e da Piazzale Roma, Linea 1 o 2 (direzione San Marco), fermata San Tomà.
  • Da Piazza San Marco: Linea 1 o 2 (direzione ferrovia), femrata San Tomà.

7. Museo Peggy Guggenheim

La più importante raccolta italiana dedicata all’arte europea ed americana della prima metà del 1900, si trova nel Museo Peggy Guggenheim. Qui dentro, troverai dei capolavori affascinanti degli artisti di quel periodo come: de Chirico, Pollock, Picasso, Duchamp Brancusi e Kandinsky.

Parlando di collezioni davvero interessanti, c’è da citare la Collezione Gianni Mattioli. Un grandissimo collezionista del Novecento con opere di artisti del Futurismo italiano come: Carrà, Sironi, Soffici, Rosai, ma anche alcuni quadri di Morandi e un ritratto fantastico di Amedeo Modigliani.
Questo museo, lo trovi nell’unico palazzo di Venezia incompiuto, il Palazzo Venier dei Leoni. Questa struttura, è stata acquistata dal Guggenheim per farne il più grande museo di arte moderna degli anni ’50.

Peggy, ha fatto della sua vita, una ricerca assoluta sulle opere all’avanguardia del mondo per valorizzarle al massimo. Devi sapere che neanche nel periodo della Seconda Guerra Mondiale ha rallentato, infatti, continuò i suoi viaggi (ignorando il pericolo), per scovare opere da aggiungere lla sua collezione.

Trovi aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18, chiuso il martedì.
Il biglietto ha un costo di 15 euro, ma ti consiglio di dare un’occhiata ai link qui sotto per l’ingresso saltafila e i tour:

Per arrivare qui:

  • In vaporetto: da Piazzale Roma o Ferrovia, vaporetto Linea 2, direzione Lido, fermata Accademia, o vaporetto Linea 1, direzione Lido, fermate Accademia o Salute.
  • Da Piazza San Marco: vaporetto Linea 2, direzione P. Roma, fermata Accademia, o vaporetto Linea 1, direzione P. Roma, fermate Salute o Accademia.

Se hai tempo a disposizione, non perdere assolutamente questo punto della guida sul cosa vedere a Venezia.

8. Chiesa di San Zaccaria a Venezia

A Campo Zaccaria, nel sestiere Castello di Venezia (il quartiere che confina con San Marco), si trova la Chiesa di San Zaccaria. Questa zona, è vicina ai principali punti d interesse come Palazzo Ducale, Ponte dei Sospiri, Basilica di San Marco ecc.. Detto questo, devi sapere che molte volte, questa chiesa non viene inserite nelle guide sul cosa vedere a Venezia, ancora mi sto chiedendo il perché!

Questo luogo di culto è stato costruito per custodire le spoglie di San Zaccaria, il padre di Giovanni Battista, intorno al IX secolo. L’aspetto odierno della chiesa, è quello risalente alla seconda metà del Quattrocento. È stato l’imperatore bizantino a donare a Venezia le spoglie dello stesso Santo.

Per quanto riguarda lo stilelinvece, ti trovi davanti ad un mix tra rinascimentale-veneziano. La bella facciata è caratterizzata da dei bassorilievi e da sculture, dove c’è anche quella di San Zaccaria. L’interno, interessantissimo, è costituito da un pavimento a mosaico, di origine bizantina con le sue tre navate. È davvero un luogo ricco di opere, tra cui: la Pala d’altare di San Zaccaria di Giovanni Bellini, i dipinti di Palma il Vecchio, del Tiepolo e altri fenomenali autori del ‘400 e ‘500.

Inoltre, voglio segnalarti anche l’urna con il corpo di San Zaccaria, La Cappella di San Tarasio (chiamata anche Cappella d’Oro) con i suoi affreschi del Quattrocento. Poi, la tomba dello scultore Alessandro Vittoria e la Cappella di Sant’Anastasio. Quest ultima, in passato era il coro delle monache, in quanto qui, era presente un convento di suore benedettine connesso alla chiesa.

Ma se dobbiamo parlare di attrazioni, quella sicuramente più importante, che ha portato alla fama questa Chiesa di San Zaccaria, è “la Cripta sommersa“. Una cripta che risale al X secolo, con il suo pavimento che per buona parte dell’anno, è sempre ricoperto d’acqua. Puoi vedere questa cripta grazie all’installazione di una passerella.

Questo, è davvero un ottimo luogo di interesse per dare valore al tuo viaggio e sfruttare al massimo il potenziale sul cosa vedere a Venezia. Non fartelo sfuggire!

Trovi aperto dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18. Domenica solo 16-18.
Il prezzo del biglietto è GRATIS. Ti verrà chiesto un piccolo contributo di 3 euro per accedere alla cripta e visitare la Cappella di San Tarasio.

Per arrivare qui:

  • vaporetto: Linea 5.1, fermata Zaccaria. A pochi passi dalla fermata trovi la chiesa.

9. La Basilica dei Frari

La Chiesa dei Frari, è uno dei punti di interesse che al turista sfugge durante il suo viaggio frenetico a Venezia. È una bellissima basilica monumentale lunga circa 102 metri, con 17 altari monumentali e una vasta quantità di opere che non la farebbero sfigurare davanti ai più famosi musei del mondo!

Devi apere che qui sono sepolti Antonio Canova e Tiziano, ma anche condottieri, dogi, Monteverdi (il musicista) e tante altre figure importanti veneziane. L’opera più importante della chiesa, insieme alla Pala Pesaro, è sicuramente l’Assunta di Tiziano. Ma non finisce qui.
Infatti, troverai anche il Trittico dei Frari e Madonna in trono e la Deposizione del Frangipane, che sono del Bellini. Devi assolutamente vedere anche il coro in legno.

In questa Basilica, non sono solo le opere ad affascinare, ma anche la luce che penetra al suo interno, la forza dei monumenti e la disposizione di tutte le opere, che danno davvero una sensazione di imponenza esemplare.

Trovi aperto da lunedì al sabatoo, dalle 9 alle 18 con ultimo ingresso alle 17.30. Domecniche e solennità dalle 13 alle 18, con ultimo ingresso sempre alle 17.30. Il prezzo del biglietto è di 3 euro sul posto.

Per arrivare qui:

  • in vaporetto: dalla stazione ferroviaria e da Piazzale Roma, Linea 1 o 2 (direzione San Marco) fermata San Tomà;
  • in vaporetto da Piazza San Marco: Linea 1 o 2 (direzione Ferrovia) fermata San Tomà.

10. Cosa mangiare a Venezia

Se parliamo di cosa vedere a Venezia, dobbiamo anche parlare di cibo. Infatti, per quanto riguarda l’aspetto culinario, posso dire che la parte degli antipasti è la parte forte dei menù. Nelle osterie (o bacari), potrai trovare di tutto. Ci sono sempre i cosiddetti “cicchetti“, che sono degli assaggi tipici veneziani che puoi mandar già accompagnati da un “ombra de vin“.

Quello che devi fare, è semplicemente scegliere tra granchio, verdure, uovo con acciughe e soppressa con polenta. Per quanto riguarda i primi piatti, una tra le più importanti pietanze del menù, è certamente il famoso risi e bisi (conosciuto come il risotto con i piselli), che venivano assaporato dai Dogi il 25 Aprile, per onorare il Santo patrono della città.

Poi, non dimentichiamo il piatto di spaghetti alle vongole, o fatti con il nero di seppia o pesce unicamente del posto. A Venezia, devi sapere che è molto apprezzata anche la pasta e fagioli, che troverai sempre in ogni casa ed in ogni osteria di Venezia. Per finire in bellezza il tuo pasto tipico di queste parti, ti consiglio uno dei secondi piatti: il fegato alla veneziana (solo se sei forte di stomaco) ricco di cipolla e di “castrature”, che sono i carciofi tipici coltivati nelle isole della Laguna.

Dove dormire a Venezia

Abbiamo visto cosa vedere a Venezia e cosa mangiare. Adesso, cerchiamo di capire dove alloggiare per riposarci un po’.

Devi sapere che la maggior parte dei turisti che visita la città (circa 20 milioni all’anno) non si ferma a dormire, ma fa visita per una giornata e poi si sposta.
Questo aspetto potrebbe sembrare penalizzante per la città, ma in relatà a Venezia rimane comunque molto complicato trovare alloggi liberi, soprattutto se parliamo del periodo di primavera e durante il famoso Carnevale.

Se troverai alloggio, devi prendere in considerazione il fatto di spendere tanto e senza aspettarsi alloggi di lusso. Infatti, devi sapere che in città, un hotel tipico a 3 stelle, può costarti anche 150 euro per notte, quelli più lussuosi tanto e tanto di più. Mentre se parliamo di hotel, B&B più economici, dobbiamo parlare di terra ferma, e quindi di trovare qualcosa a Mestre.

Questa città è ottimmente collegata a Venezia, permettendoti di arrivare ai punti di interesse veneziani in pochissimo tempo. Certo, alloggiare a Mestre non ha quel “più di romantico” che ci sarebbe alloggiando a Venezia, ma se non altro, sarà un modo per proteggere il tuo budget per la vacanza!

Ad ogni modo, qui sotto, ti lascio i link per trovare il tuo hotel o B&B migliore, a seconda delle tue esigenze ed aspettative:

Questo articolo-guida sul cosa vedere a Venezia termina qui. Spero di averti dato degli ottimi spunti per la tua prossima vacanza. Buon viaggio!

Hai apprezzato i consigli? Clicca sulle stelle per votare

Voto medio 0 / 5. Voti: 0

Non perdere l'occasione: parti subito per il tuo prossimo viaggio!

Condividi o aggiungi ai preferiti: