Indice

Cosa vedere a Firenze: Le 20 Cose imperdibili e dove dormire

0
(0)

Stai pensando di organizzare un viaggio in Toscana e vuoi scoprire cosa vedere a Firenze? Allora leggi il mio articolo-guida su una delle città più affascinanti d’Italia!

Intanto dai un’occhiata alle meravigliose attività che puoi fare subito a Firenze. Sono quelle ad alta priorità, dove dovresti prenotare in anticipio. Eccole qui sotto:

La città di Firenze viene definita la culla del Rinascimento. Una città sino a quel momento ricca ma tranquilla, che poi diventa il nuovo modello da seguire per l’Uomo Nuovo che esce dal Medioevo.

Immagina di essere nel film Non ci resta che piangere con Benigni e Troisi e passeggiare a cavallo tra il 1400 e il 1500. Potresti incontrare Donatello e Michelangelo, Brunelleschi e Masaccio, Savonarola e Lorenzo il Magnifico.

cosa vedere a firenze

Itinerari di 1, 2 e 3 giorni: Cosa vedere a Firenze

Cosa vedere a Firenze in alcuni giorni?

In spazi ristretti, grazie ai progetti geniali di artisti e pirncipi, iniziarono ad essere costruite chiese, palazzi, ponti e museo. Nelle belle botteghe di Firenze si realizzavano le opere che oggi vanno ad abbellire i musei di tutto il mondo, cambiando la storia dell’arte.

A Firenze sono davvero tante le cose che si possono vedere. Oggi, per il tuo itinerario su cosa vedere a Firenze, vedrai le 20 cose più importanti da non perdere.

Andrai alla scoperta di capolavori di tela, pietra e marmo. Capolavori ottimamente conservati.

Se vuoi un buon consiglio da amico, per goderti davvero Firenze con le sue attrattive, dovresti fare qualche giorno in più rispetto alla massa di turisti. Infatti, spesso si ha la pretesa di vedere le bellezze locali in 1 o 2 giorni. È quasi impossibile. O meglio, in realtà si può anche riuscire, ma devi pianificare esattamente tutto in anticipo e selezionare alcune delle 20 cose da vedere presenti in questa guida.

Devi anche sapere che il centro storico di Firenze, è quasi completamente pedonalizzato.

Adesso iniziamo a scoprire cosa vedere a Firenze. Partiamo!

1. Cupola del Brunelleschi, Battistero, Campanile di Giotto e Duomo

Il primissimo punto sul cosa vedere a Firenze è certamente Piazza del Duomo, che rappresenta uno dei più bei complessi architettonici del mondo. Da qui puoi ammirare la Cupola del Brunelleschi che domina sulla città. Ancora oggi è la struttuta più alta. Il suo campanile è stato progettato da Giotto che però non vide mai la sua realizzazione finale.

Parlando del Battistero invece, posso dirti che è una delle strutture più antiche di Firenze e si trova lì dal IV secolo con le sua Bibbia per immagini e le splendide porte.

Il Duomo invece ha una fantastica facciata di marmo bianco e verde che attira lo sguardo. L’ho fotografato varie volte nei miei viaggi, e ogni angolazione differente sembra sempre più interessante. È davvero una struttura straordinaria. Ti trovi al centro di Firenze, fonte Santa Marai del Fiore, conosciuta come Duomo.

Questa cattedrale è lunga 153 metri. È stata realizzata in circa 170 anni per rivaleggiare con le chiese delle di Siena e Pisa. Per la creazione di questa bellezza ci lavorarono i migliori artisti fiorentini: da Brunelleschi a Giotto, da Vasari a Talenti, da Lorenzo Ghiberti ad Arnolfo di Cambio.

Siamo partiti col botto in questo itinerario su cosa vedere a Firenze e non poteva essere altrimenti per questa meravigliosa città.

Trovi aperto:

Cattedrale: da lunedì a sabato, 10.15 – 17. Chiuso domenica e festivi.

Cupola del Brunelleschi: lunedì-venerdì, 8.15 – 19.30; sabato 8.15 – 17.15 (ultimo ingresso 16.30).
Domenica e festivi 12.45 – 17.15 (ultimo ingresso 16.30).

Battistero di San Giovanni: tutti i giorni dalle 9 alle 19.30.

Campanile di Giotto: tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.45.

Biglietto d’ingresso: in Cattedrale si entra gratis.
Brunelleschi Pass (cupola, museo, campanile, battistero e Santa Reparata) : 30 euro intero, ridotto 12 euro (7-14 anni), gratis 0-7 anni.

Ghiberti Pass (museo, battistero, Santa Reparata): 15 euro intero, 5 euro ridotto (7-14 anni), gratis 0-7 anni.

Per arrivare qui: centro storico di Firenze. Clicca qui per vedere la posizione esatta su Google Maps.

2. Palazzo Vecchio di Firenze

Palazzo Vecchio è considerata l’opera architettonica civile trecentesca migliore al mondo. È un edificio ampio che è difficile da fotografare con una singola foto. Infatti, neanche dalla parte più distante di Piazza della Signoria, verso via dei Calzaiuoli è possibile prenderlo tutto.

Noterai subito la Torre di Arnolfo alta ben 94 metri e realizzata nel 1310. Sulla sua sommità è presente la bandiera con il giglio fiorentino.

All’ingresso di Palazzo Vecchio Noterai la copia del David di Michelangelo.

Voi questo palazzo si trova in piazza della Signoria, Devi sapere che questo luogo è stato considerato per un periodo, perché in passato è stato luogo di scontri tra Guelfi e Ghibellini. superato questo passato di sangue, questa piazza della signoria è diventata centro di vita sociale, politica e civile di tutti gli abitanti di Firenze.

Trovi aperto: da lunedì a domenica dalle nove alle 19, giovedì 9-14. La torre chiude alle 17 e di giovedì alle 14:00. Ricordati che l’ultimo ingresso è sempre una prima della chiusura del museo.

Biglietto d’ingresso:

Musei di palazzo Vecchio: 12. 50 € intero, 10 € (18 25 anni e universitari), entrano gratis nella fascia d’età zero 18 anni.

Torre di Arnolfo: 12. 50 € intero, 10 € (18 25 anni e universitari), entrano gratis nella fascia d’età zero 18 anni.

Per arrivare qui: il palazzo lo trovi nel centro storico di Firenze.

Procediamo con la nostra gita sul cosa vedere a Firenze scoprendo il prossimo punto.

3. Ponte Vecchio di Firenze

Cosa vedere a Firenze di molto famoso e apprezzato?

Il Ponte Vecchio di Firenze è sicuramente una delle attrazioni più fotografate al mondo, ma in passato non è sempre stato un luogo alla moda. Oggi, potrai ammirare le bellissime botteghe degli orafi che attirano tanti turisti, ma fino al 1565 qui erano presenti solo botteghe di macellai e verdurai. Quando successivamente venne realizzato il corridoio vasariano degli Uffizi, questi artigiani vennero mandati via e vennero chiamati ad aprire le loro botteghe gli artigiani e gli orafi. Questi mestieri erano considerati molto più adatti alla bellezza di questo luogo.

Da quel momento in poi, l’oro è diventato il simbolo di Ponte Vecchio. A testimoniare questo simbolo c’è la statua di Benvenuto Cellini, il più grande orafo fiorentino.

Vasari, nel 1565 realizzò per Cosimo I de Medici il cosiddetto corridoio vasariano che univa palazzo vecchio a palazzo Pitti, e in quel tempo era la dimora privata dei Medici. Questo corridoio, è lungo circa 1 km. Parte da palazzo vecchio passando per la Galleria degli Uffizi, poi sopra le botteghe di Ponte Vecchio, per poi arrivare a palazzo Pitti.

Devi sapere che durante la seconda guerra mondiale, lo stesso Hitler abbia ordinato di risparmiare Ponte Vecchio durante i bombardamenti. Probabilmente la sua bellezza è servita a salvarlo dalla distruzione.

Per arrivare qui: Clicca qui per vedere su Google Maps.

4. Museo degli Uffizi

Quando parliamo di cosa vedere a Firenze, dobbiamo visitare certamente gli Uffizi.

In questo museo sono tantissime le belle opere che vanno e vengono da una mostra all’altra. troverai opere di Caravaggio, Raffaello, Tiziano e Rosso Fiorentino. in molti, considerano questo luogo una cassaforte di capolavori di vari secoli, meta desiderata dai tanti amanti dell’arte di tutto il mondo.

Noterai subito la grandissima fila di stranieri che aspettano di entrare all’interno del museo. C’è da dire che molti italiani non hanno mai visitato questo splendido luogo. Ci sono davvero tantissime cose stupende da vedere all’interno di questo museo, e se pensi a un quadro probabilmente è al suo interno.

Il percorso all’interno di questo museo, inizia con la sala del Trecento e le tre pale Cimabue, Duccio di Buoninsegna e Giotto che raffigurano ” la Madonna in trono col bambino”. Poi, andrai alla scoperta delle opere di Leonardo, Botticelli, Perugino, Signorelli, Caravaggio, Durer e tanto altro.

Per la visita a questo museo dovresti programmare una giornata intera, avere delle scarpe comode e puoi goderti semplicemente il viaggio con questo mondo dell’arte. Per esperienza personale ti dico che gli Uffizi puntati e la fila all’esterno può mettere a dura prova la tua pazienza, soprattutto nei periodi più caldi. Non dimenticarti di portare dell’acqua con te e un cappellino.

Trovi aperto: dal martedì alla domenica, dalle ore le 8:15 alle 18:30. L’ultimo ingresso è alle 17:30, lunedì trovi chiuso.

Biglietto d’ingresso: 20 € intero, ridotto due euro per la fascia d’età 18-25 anni. Dai zero ai 18 anni con documento di identità si entra gratis. Questo biglietto consente di entrare gratuitamente anche al museo archeologico nazionale e al museo dell’opificio delle pietre dure.

Per arrivare qui: Clicca qui per vedere su Google Maps

5. Basilica di Santa Croce a Firenze

All’interno di questa basilica potrai ammirare la tomba di Michelangelo. A protezione della sua tomba ci sono tre sculture che rappresenta la pittura, l’architettura e la scultura. Questa attrazione si contende il primato con la tomba di Galileo Galilei che si trova proprio di fronte.

Sul cosa vedere a Firenze ne stiamo parlando, ma i punti sembrano uno più interessante dell’altro. Sarà difficile lasciar fuori qualcosa del nostro itinerario!

Dopo la parte riservata Michelangelo c’è il cenotafio di Dante. Le spoglie di Dante non si trovano qui, ma sono stata lasciata Ravenna dove morì durante l’esilio. A seguire troverai Vittorio Alfieri, Antonio Canova, Niccolò Machiavelli, Gioacchino Rossini e Ugo Foscolo. Quest’ultimo quando era ancora in vita, definì Santa Croce come un uomo che conserva le urne dei forti, ovvero le tombe dei grandi d’Italia.

Naturalmente la basilica di Santa Croce non è solo luogo di raccolta di sfoglie italiani che hanno in qualche modo plasmato la storia, ma in fondo troverai anche le cappelle affrescate da Giotto con le storie della vita di San Francesco. Nella cappella dei pazzi, è custodito il crocifisso di Cimabue. Devi sapere che in questa cappella venne ucciso Giuliano de Medici, e ferito durante la congiura Lorenzo il Magnifico.

Trovi aperto: da lunedì a sabato orari 9:30-17:30. Le domeniche e i festivi dalle 12:30 alle 17:45. Ricorda che l’ultimo ingresso previsto per le 17.

Biglietto d’ingresso: intero 8 euro, dai 12 ai 17 anni e universitari ridotto 6 euro. Gratis dai 0 agli 11 anni. Il biglietto famiglia ha un prezzo di 8 euro. I figli minorenni entrano gratis.

Per arrivare qui: questa basilica si trova in piazza Santa Croce numero 16, nel centro a Firenze.

6. Cappella Brancacci di Firenze

Nel tuo viaggio su cosa vedere a Firenze, dovresti assolutamente visitare questa cappella anche se solitamente non è inserita nelle liste delle attrazioni da vedere.

Un angelo con la spada che insegue Adamo ed Eva per mandarli via dal Paradiso. Adamo piange e si nasconde dalla vergogna mentre si copre il viso. Eva ha uno sguardo distrutto dal dolore.

Questa, è una scensa piuttosto triste, ed è anche una delle opere della storia dell’arte più importanti. Trovi questo capolavoro nella Cappella Brancacci a Firenze, nella Chiesa di Sanra Maria del Carmine. Masaccio e Masolino, giovane e vecchio, allievo e maestro, hanno realizzato la cappella assieme grazie alla volontà di Felice Brancacci.

Sarà difficile notare differenze tra l’uno e l’altro affresco. Brancacci, a suo tempo obbligò gli artisti a lavorare nelle stesse pareti per cercare di ridurre al minimo le differenze di stile tra i due. Da qui, nasce una strada pittorica straordinaria che va a rappresentare il peccato e altri capitoli della Bibbia e del Vangelo.

Trovi aperto: lunedì, venerdì e sabato dalle 10 alle 17, domenica 13-17. Martedì, mercoledì e giovedì chiuso.
Ricorda che la biglietteria chiude 45 minuti prima dell’utimo ingresso. Sono consentite massimo 30 persone ogni 30 minuti.

Biglietto d’ingresso: 10 euro per l’intero, 7 euro (ridotto per 18-25 anni e univesritari), si entra gratis sino ai 18 anni.

Per arrivare qui: Piazza del Carmine, 14 al centro di Firenze.

7. Chiesa di Santa Maria Novella

Le chiese di Santo Spirito e Santa Croce, rispettivamente appartenenti ai frati Agostiniani e Francescani erano considerate le più belle ed importanti di Firenze. Ma nel 1278, i frati domenicani, iniziarono la costruzione della Chiesa di Santa Maria Novella, oggi un fantastico esempio di romanico toscano grazia alla presenza di marmo bianco, verde e nero. Questo punto di interesse sul cosa vedere a Firenze, è uno dei luoghi che non devi assolutamente perderti.

Al suo interno questa chiesa, ospita vari opere tra le più importanti dell’arte italiana. Come prima cosa, ti voglio segnalare il Crocifisso di Giotto che vedi nella volta centrale. Questa, è l’opera di Giotto da giovane, ma che fa ben capire la potenza di questo artista.

Successivamente, puoi ammirare gli affreschi (dove sono ritratti anche i committenti) di Filippino Lippi e del Ghirlandaio nella cappelle Strozzi e Tornabuoni.

Sulla Cappella Gondi trovi invece il Crocifisso di Brunelleschi, l’unica opera in legno di questo artista. Il grande capolavoro presente qui a Santa Maria Novella, è la Trinità del Masaccio.

Puoi vedere nella sua volta, un grandissimo effetto che rappresenta Gesù, la Madonna e San Giovanni in una relatà tridimensionale. La particolarità è che Maria, non guarda Gesù mentre muore, ma indica lo spettatore che sta guardando.

Trovi aperto: da lunedì a giovedì e il sabato, dalle 9.30 alle 17.30. Venerdì 11 – 17.30 e domenica 12 – 17.30.

Biglietto d’ingresso: intero 7.50 euro, 5 euro (11-18 anni), gratis bambini 0-11 anni.

Per arrivare qui: trovi la chiesa in Piazza Santa Maria Novella, a pochi metri dalla stazione.

8. Palazzo Pitti a Firenze

Un edificio di nobili origini, antica dimora dei granduchi di Toscana e dei sovrani d’Italia. Oggi, il Palazzo Pitti si presenta come un maestoso complesso che ospita prestigiose Gallerie e Musei, custodi di inestimabili tesori artistici, quali dipinti, sculture, opere d’arte e porcellane. All’interno di questo regale scenario, spiccano la Galleria Palatina e la Galleria d’Arte Moderna, autentiche gemme dell’arte.

Adagiato accanto al Palazzo Pitti si estende l’incantevole Giardino di Boboli, un rifugio prediletto dai fiorentini per trovare serenità e sfuggire al torrido caldo estivo. Qui, circondati dalla grandiosità della famiglia de’ Medici, è possibile immergersi in un’atmosfera unica, dove il passato si fonde con il presente.

Il Giardino di Boboli è il custode di opere e strutture che narrano il gusto raffinato e la magnificenza della nobile casata de’ Medici, i soli proprietari di questo straordinario giardino fino a metà del Settecento, quando gli Asburgo-Lorena, altrettanto amanti dell’arte, subentrarono a loro.

Se desideri visitare questo scrigno di cultura, ecco gli orari di apertura:

il Palazzo Pitti apre le sue porte dal martedì alla domenica, dalle 8:15 alle 18:30, con l’ultimo ingresso consentito alle 17:30. Il lunedì è l’unico giorno di riposo. Inoltre, il Tesoro dei Granduchi è accessibile il martedì e il venerdì, dalle 16:00 alle 17:00, per un massimo di dieci fortunati visitatori alla volta, accompagnati dal personale addetto.

Biglietto d’ingresso: il costo intero è di 16 €, mentre un biglietto combinato per accedere sia al Palazzo Pitti che al Giardino di Boboli è disponibile al prezzo di 22 €.

I visitatori tra i 18 e i 25 anni possono godere di un agevolato tariffario di 2 €, mentre l’ingresso è gratuito per i giovani fino ai 18 anni. È importante sottolineare che il biglietto comprende l’accesso alla Galleria Palatina, alla Galleria d’Arte Moderna e al Tesoro dei Granduchi.

Per arrivare qui: per raggiungere questo straordinario palazzo, è sufficiente dirigersi verso Piazza Pitti, nel cuore del centro storico di Firenze, e intraprendere una breve passeggiata dopo aver attraversato il celebre Ponte Vecchio.

Sei pronto a scoprire il prossimo luogo del tour sul cosa vedere a Firenze?

9. Galleria dell’Accademia di Firenze

Nel lontano 1784, per impulso del Granduca Pietro Leopoldo, sorse la maestosa Galleria dell’Accademia, un tempio dell’arte fiorentina destinato a educare le menti degli studenti dell’Accademia di Belle Arti, situata nelle immediate vicinanze.

Questo luogo d’eccellenza è noto anche come il Museo di Michelangelo, un epiteto guadagnato grazie all’ampia collezione delle straordinarie opere del genio fiorentino. Tuttavia, la Galleria dell’Accademia abbraccia anche sculture e dipinti di altri maestri che spaziano dal XIV al XVI secolo.

Il suo pezzo più pregiato, senza ombra di dubbio, è il celebre David di Michelangelo, una statua che un tempo sfidava le intemperie di Piazza della Signoria ma ora trova rifugio al riparo. Questa opera straordinaria cattura l’istante in cui Davide si prepara a combattere contro Golia. Scolpita da Michelangelo in un delicato blocco di marmo, questa creazione, risalente al 1500, simboleggia la trionfante vittoria dell’ingegno e del coraggio sulla forza bruta incarnata dal gigante Golia.

Se vuoi esplorare questa preziosa teca di bellezza per il tuo itinerario sul cosa vedere a Firenze, ecco gli orari di apertura:

la Galleria dell’Accademia accoglie visitatori dal martedì alla domenica, dalle 8:15 alle 18:50, con l’ultimo ingresso consentito fino alle 18:20. Il lunedì è l’unico giorno di chiusura.

Biglietto d’ingresso: per quanto riguarda i prezzi dei biglietti, l’ingresso intero è di 12 €, mentre i visitatori tra i 18 e i 25 anni possono accedere con un agevolato biglietto da 2 €. I giovani fino ai 18 anni godono dell’ingresso gratuito.

Per arrivare qui: la Galleria dell’Accademia si erge con maestosità in Via Ricasoli, nel cuore del centro storico di Firenze, pronta ad accogliere gli amanti dell’arte provenienti da ogni angolo del mondo.

10. Galleria Palatina a Firenze

Il tuo viaggio curioso sul cosa vedere a Firenze, ti porta al primo piano del magnifico Palazzo Pitti, dove le sale più belle e affascinanti celano la Galleria Palatina. Qui, alcune di queste stanze prendono il nome dai meravigliosi affreschi che decorano le loro volte, creando un’atmosfera unica.

Il ciclo di affreschi è un’ode alla mitologia greco-romana e all’influenza della dinastia dei Medici, che ha segnato indelebilmente la storia di Firenze. Le prime cinque sale, affascinanti e suggestive, ospitano opere realizzate da nientemeno che Pietro da Cortona, l’artista di fama indiscussa dell’epoca. Le restanti sale, invece, accolgono affreschi realizzati da vari artisti neoclassici della prima metà dell’Ottocento.

Immergiti in un mondo di arte e bellezza, poiché la Galleria custodisce opere d’arte straordinarie di maestri come Raffaello, Tiziano, Caravaggio, Rubens, Signorelli, Lippi, Van Dick, Veronese e molti altri.

Trovi aperto: per te, viaggiatore appassionato, la Galleria Palatina ti attende dal martedì alla domenica, dalle 8:15 alle 18:30, con l’ultimo ingresso consentito fino alle 17:30. Ricorda che il lunedì è il giorno di riposo.

Biglietto d’ingresso: inoltre, per quanto riguarda i prezzi dei biglietti, il costo per l’ingresso intero è di 16 €, mentre il biglietto combinato per visitare sia il Palazzo Pitti che il Giardino di Boboli è disponibile a 22 €. Per i giovani tra i 18 e i 25 anni, un agevolato tariffario di 2 €. E, per i più giovani, l’ingresso è gratuito fino ai 18 anni. Un’unica soluzione per ammirare la Galleria Palatina, la Galleria d’Arte Moderna e il Tesoro dei Granduchi.

11. Galleria d’Arte Moderna a Firenze

Stai proseguendo il tuo viaggio sul cosa vedere a Firenze e stai per scoprire un punto chiave della città

Una rampa di scale ti separa dalla raffinata Galleria Nazionale di Arte Moderna, situata al piano superiore. Qui, in 30 sale, verrai trasportato attraverso un affascinante viaggio nel tempo, dall’arte del tardo Settecento fino agli albori del Novecento.

Le opere d’arte predominanti in questa preziosa collezione sono principalmente di artisti italiani, con una straordinaria raccolta di capolavori dei macchiaioli, provenienti dalla collezione di Diego Martelli. Ammira le pennellate di maestri come Giovanni Fattori, Silvestro Lega e Telemaco Signorini. E non dimenticare gli artisti del Futurismo, tra cui De Pisis, Morandi, Donghi, Balla e Marinetti. Tra le sculture, lasciati incantare dalla grazia della Calliope di Canova e dalla purezza della Psiche di Pietro Tenerani.

Trovi aperto: dal martedì alla domenica, dalle 8:15 alle 18:30, con l’ultimo accesso consentito fino alle 17:30. Il lunedì è il giorno di riposo.

Biglietto d’ingresso: per quanto riguarda i biglietti, il costo dell’ingresso intero è di 16 €, mentre il biglietto combinato per visitare sia il Palazzo Pitti che il Giardino di Boboli è disponibile a 22 €. Per i giovani tra i 18 e i 25 anni, un agevolato tariffario di 2 €. E, naturalmente, l’ingresso è gratuito per i più giovani fino ai 18 anni.

Per raggiungere la Galleria Nazionale di Arte Moderna, ti basta salire di un piano nel Palazzo Pitti. La tua avventura artistica sta per continuare.

Adesso proseguiamo l’itinerario sul cosa vedere a Firenze con il prossimo punto della guida.

12. Chiesa di San Lorenzo e Cappelle Medicee

Cosa vedere a Firenze di importante dal punto di vista religioso?

È ora di conoscere la Chiesa di San Lorenzo, un gioiello che, nonostante l’ombra imponente del celebre Duomo di Santa Maria del Fiore, riesce a brillare nel cuore dei milioni di turisti che affollano Firenze. Questa antica chiesa è tra le più antiche di Firenze e ha addirittura assunto il ruolo di cattedrale della città per ben 300 anni.

Fu proprio la famiglia Medici a volerla come parrocchia di famiglia, e nel lontano 1419, decisero di ingrandirla, affidando il compito al genio di Filippo Brunelleschi. Il risultato fu straordinario, e tra le sue opere più celebrate spicca la Sagrestia Vecchia, in cui l’arte di Brunelleschi si fonde con quella di Donatello. Ma le sorprese non finiscono qui. All’interno della Basilica di San Lorenzo, con accesso dall’esterno, troverai la Sagrestia Nuova e le famose Cappelle Medicee, dove riposano le spoglie di ben 50 membri della nobile famiglia fiorentina.

La Sagrestia Nuova, invece, è un capolavoro firmato da Michelangelo, che vi lavorò per circa 14 anni, con pause e interruzioni, prima di partire per Roma per la costruzione della Cupola di San Pietro. Qui, troverai le tombe di Lorenzo il Magnifico e Giuliano de Medici, abbellite dalla Madonna col Bambino, opera autografa di Michelangelo. Accanto, il sepolcro di Lorenzo di Urbino e Giuliano di Nemours è arricchito dalle allegorie del giorno e della notte, anch’esse opera dello stesso genio.

Trovi aperto: sabato, seconda e quarta domenica del mese e lunedì, dalle 8:15 alle 13:50; da mercoledì a venerdì, dalle 13:15 alle 18:50. La chiusura è prevista il martedì e le altre domeniche del mese.

Biglietto d’ingresso: Il prezzo del biglietto è di 9 € per l’ingresso intero, mentre i giovani tra i 18 e i 25 anni possono accedere con un biglietto agevolato da 2 €. Per i giovani fino ai 18 anni, l’ingresso è gratuito.

Per arrivare qui: la Chiesa di San Lorenzo e le Cappelle Medicee ti aspettano in Piazza di Madonna degli Aldobrandini 6, nel centro di Firenze.

13. La Chiesa di Santo Spirito

Viaggiare è una continua avventura, e scoprire cosa vedere a Firenze lo è ancora di più.

Dirigiti verso la Chiesa di Santo Spirito, un tesoro nascosto tra i monumenti religiosi di Firenze. Anche se meno celebre delle altre chiese della città, questa è una gemma da scoprire. La sua fama è legata soprattutto alla sua Sagrestia, un piccolo ma prezioso gioiello del Rinascimento, che fu per un breve periodo la dimora di Michelangelo.

La storia racconta che il genio fiorentino, con l’aiuto dei Medici, risiedette a Santo Spirito dopo la morte di suo padre. In segno di gratitudine, donò alla chiesa un crocifisso da lui realizzato all’età di soli 17 anni. La paternità dell’opera è stata oggetto di dibattito, ma ormai la maggior parte accetta che sia opera del genio fiorentino.

La Sagrestia, preceduta da un vestibolo ispirato al Pantheon romano, fu iniziata da Giuliano da Sangallo e completata da Antonio del Pollaiolo. All’interno della basilica, l’altare del transetto ospita una delle opere più significative: la Madonna con Bambino e San Giovannino, San Martino e Santa Caterina martire di Filippino Lippi. Nella piazzetta antistante la chiesa, troverai il Cenacolo di Santo Spirito, decorato con un grandioso affresco di Andrea Orcagna raffigurante la Crocifissione e l’Ultima Cena di Cristo.

Trovi aperto: dal lunedì al sabato, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00; la domenica e i giorni festivi, dalle 11:30 alle 13:30 e dalle 15:00 alle 18:00. La chiusura è prevista il mercoledì.

Biglietto d’ingresso: l’ingresso alla basilica è gratuito, mentre per il percorso museale è previsto un biglietto unico al costo di 2 €.

Per arrivare qui: trovi la Chiesa di Santo Spirito in Piazza di Santo Spirito 30, sulla sponda sinistra dell’Arno.

14. Chiesa di Dante e Beatrice a Firenze

Cosa vedere a Firenze di poetico?

E ora, viaggiatore romantico, ti invito a esplorare un luogo intriso di amore e poesia: la Chiesa di Santa Margherita dei Cerchi, conosciuta da tutti come la chiesa di Dante e Beatrice.

Immagina, Dante e Beatrice vivevano a soli 20 metri di distanza, le loro case quasi si sfioravano, eppure il loro amore era destinato a restare separato. Beatrice frequentava questa piccola chiesa, dove erano sepolti membri della sua famiglia, i Portinari, e quelli della famiglia di Gemma Donati, moglie di Dante. Si incrociavano lungo la stradina, o magari qui, all’interno di questa minuscola chiesa, eppure il loro destino non consentì loro di raggiungersi completamente.

Un modesto quadro appeso a una delle pareti ricorda il loro primo, fugace incontro di sguardi, l’istante in cui Dante si innamorò perdutamente di Beatrice. Ma sono i bigliettini lasciati sulla tomba di lei, con parole struggenti come “Ti prego, fallo tornare da me” o “Aiutami, non voglio perderlo”, che trasformano questo luogo in un simbolo per gli innamorati di ogni epoca, soprattutto per coloro che sanno cosa significhi amare senza poter mai raggiungere la persona desiderata.

Trovi aperto: la Chiesa di Santa Margherita dei Cerchi è aperta ogni giorno, e l’ingresso è gratuito.

Per arrivare qui: per raggiungerla, basta seguire le indicazioni dalla Via dei Calzaiuoli, dirigendosi verso la Casa di Dante. E così, la storia d’amore di Dante e Beatrice continua a ispirare cuori appassionati in ogni angolo del mondo.

Sei pronto per continuare il tuo viaggio sul cosa vedere a Firenze?

15. Museo Archeologico di Firenze

Il Museo Archeologico di Firenze è una tappa obbligata per gli amanti della storia e dell’arte. Qui, ti attende una delle collezioni più straordinarie al mondo dedicata all’arte etrusca, ma non solo. Questo museo ospita autentici tesori provenienti dagli scavi di tutta la Toscana, offrendoti una panoramica unica di reperti etruschi, romani e di tutte le civiltà del Mediterraneo che hanno lasciato il loro segno in questa regione.

La Galleria dei bronzi è un vero gioiello, dove potrai ammirare tre splendidi bronzi etruschi: la celebre Chimera ferita da Bellerofonte, la statua di Minerva e l’Arringatore, un monumento funerario risalente al III secolo.

Un viaggio nel passato che affascina e fa sognare, arricchito dalle affascinanti Raccolte egizie, tra le più importanti in Italia dopo quelle di Torino.

trovi aperto: da lunedì a mercoledì e sabato e domenica, dalle 8:30 alle 14:00; giovedì e venerdì, dalle 13:30 alle 19:00.

Biglietto d’ingresso: per quanto riguarda i prezzi dei biglietti, l’ingresso intero costa 8 €, mentre i giovani tra i 18 e i 25 anni possono accedere con un biglietto agevolato di 2 €. Per i più giovani, fino a 18 anni, l’ingresso è gratuito.

Per arrivare qui: il Museo Archeologico si trova in Piazza della Santissima Annunziata, nel cuore di Firenze.

16. Museo Nazionale del Bargello

Cosa vedere a Firenze se sei un viaggiatore in cerca di fascino e storia?

Entriamo nel Palazzo del Bargello, uno dei più antichi edifici pubblici di Firenze, che è stato originariamente concepito come la residenza del Capitano del Popolo. Questo edificio storico ha assistito a molteplici avvenimenti, dai tumultuosi moti popolari agli incendi, dalle calamità naturali agli scontri tra il Papato e l’Impero, dai conflitti tra i guelfi e i ghibellini.

Non c’è dubbio che questo luogo non fosse esattamente un rifugio tranquillo: a partire dal 1574, il Palazzo del Bargello divenne una prigione cittadina, prendendo il nome proprio dal Bargello, capo delle Guardie di Piazza, che insieme ai suoi uomini interrogava e arrestava i criminali.

Ma ciò che rende questo museo veramente speciale è la sua opera più celebre: il David di Donatello. Questa statua, oggetto di diverse interpretazioni, può raffigurare sia l’eroe biblico, sia Mercurio, la divinità romana.

Ti consiglio di soffermarti sul suo sguardo, un mix di superbia e malizia tipicamente adolescenziale. Il David ha gli occhi di chi sa di aver compiuto grandi imprese e ne va fiero.

Trovi aperto: il museo è aperto tutti i giorni, dalle 8:15 alle 13:50, fatta eccezione per il martedì e la seconda e quarta domenica del mese. L’ultimo ingresso è consentito alle 13:00.

Biglietto d’ingresso: per quanto riguarda i prezzi dei biglietti, l’ingresso intero costa 9 €, mentre i giovani tra i 18 e i 25 anni possono accedere con un biglietto agevolato di 2 €. Per i più giovani, fino a 18 anni, l’ingresso è gratuito.

Per arrivare qui: il Museo Nazionale del Bargello ti attende in Via del Proconsolo, 4, tra il Duomo e Santa Croce.

17. Piazzale Michelangelo di Firenze

Se sei anche un viaggiatore curioso, per questo tour sul cosa vedere a Firenze, devi andare verso un luogo che offre una vista spettacolare sulla città di Firenze: Piazzale Michelangelo. Se hai visto una foto panoramica di Firenze, è probabile che sia stata scattata da qui. Quando ci sono stato per la prima volta, sono rimasto affascinato!

Tuttavia, c’è un piccolo dettaglio: non sarai l’unico a voler conquistare uno spazio per ammirare l’intera Firenze in un solo colpo d’occhio. Dovrai condividere questo spettacolo con visitatori provenienti da tutto il mondo, da giapponesi a tedeschi, da americani a coreani. Ma ne vale davvero la pena. Soprattutto al tramonto, quando la città si tinge di sfumature dorate, oppure all’alba, quando il silenzio avvolge la città ancora addormentata. Troverai meno gente e potrai goderti appieno la vista.

Per arrivare qui: per raggiungere Piazzale Michelangelo, ti consiglio di prendere gli autobus n. 12 o 13, in quanto il piazzale si trova a circa 4 km dal centro di Firenze. L’ingresso è gratuito, quindi nulla ti vieta di goderti questo spettacolo senza spendere un centesimo. In questo articolo-guida sul cosa vedere a Firenze, questo punto di interesse non poteva mancare!

18. Il Giardino di Boboli e Le Cascine

Cosa vedere a Forenze lo stiamo vedendo scorrendo questa guida, ma c’è un luogo che per me è davvero magico. Se ti piace avere un momento di tranquillità e bellezza, scopri il Giardino di Boboli, uno dei giardini all’italiana più belli e importanti. Questo luogo secolare è stato amato e curato dai governanti toscani nel corso dei secoli, diventando un rifugio verde molto apprezzato dai fiorentini, che lo utilizzano per correre, passeggiare e partecipare agli eventi che qui si tengono regolarmente.

Il giardino è parte integrante del complesso di Palazzo Pitti. Per ulteriori dettagli su questo splendido giardino, ti consiglio di visitare la pagina dedicata al Giardino di Boboli a questo link.

Diversamente, non possiamo dire lo stesso delle Cascine, un altro parco storico di Firenze che negli ultimi anni è diventato un luogo poco sicuro, soprattutto di sera.

19. San Miniato al Monte Firenze

Se nel tuo giro a Firenze, non sei riuscito a conquistare uno spazio panoramico a Piazzale Michelangelo, non scoraggiarti. Prosegui a piedi per circa 400 metri, e troverai San Miniato al Monte, una bellissima chiesa che offre un panorama altrettanto straordinario ma molto meno affollato. La leggenda racconta che San Miniato fu il primo martire di Firenze e che, dopo essere stato decapitato per la sua fede cristiana, prese la sua testa tra le braccia e camminò fino al luogo in cui ora sorge la chiesa.

La facciata di San Miniato è un autentico capolavoro del romanico toscano, e gli interni sono adornati da magnifici mosaici.

Trovi aperto: dal lunedì al sabato, dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00; la domenica, dalle 8:15 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00. L’ingresso è gratuito.

Da Santa Maria Novella, puoi prendere l’autobus numero 12 per raggiungere il piazzale Michelangelo.

Ecco, questo meraviglioso punto di interesse sul cosa vedere a Firenze era d’obbligo in questo itinerario sulla città toscana.

20. Cosa mangiare a Firenze

Abbiamo visto cosa vedere a Firenze, adesso però parliamo di buon cibo.

La rinomata cucina fiorentina, famosa per la sua bistecca, è una delizia per il palato che offre molto di più di quanto si possa immaginare. I piatti tipici di Firenze sono una testimonianza della creatività del popolo fiorentino nel trasformare ingredienti semplici ed essenziali, come il pane, l’olio e le verdure, in autentici capolavori gastronomici.

Un pasto tipico inizia sempre con una selezione di salumi accompagnati da bruschette ai fegatini o una fettunta, una bruschetta con olio e sale. Tra i primi piatti, troviamo la Pappa al Pomodoro e la Ribollita, piatti tradizionali della città.

La protagonista indiscussa dei secondi piatti è la celebre Bistecca alla Fiorentina. Tuttavia, è importante notare che i fiorentini sono molto puntigliosi riguardo alle dimensioni e alla cottura di questa prelibatezza. La bistecca deve pesare almeno 1,2 chilogrammi e deve essere servita al sangue, molto al sangue!

Tra gli altri secondi piatti degni di nota ci sono la Trippa e il Lampredotto, piatti che riflettono la tradizione culinaria toscana. Tra i contorni, i fagioli sono un’ottima scelta. Naturalmente, la bistecca si sposa alla perfezione con un buon vino rosso toscano, tra cui spiccano il Chianti, il Brunello e il Montepulciano.

Quando si tratta di scegliere dove gustare queste delizie, il consiglio è di allontanarsi dal centro storico, dove spesso si trovano le trappole per turisti. Fuori dal centro storico, è possibile trovare trattorie e ristoranti autentici che offrono autentica cucina fiorentina senza svuotare il portafoglio.

Dove dormire a Firenze

Cosa vedere a Firenze e cosa mangiare lo abbiamo appena visto. Vogliamo parlare di posti per riposare comodamente la notte?

Firenze è una città che attira costantemente turisti stranieri e scolaresche italiane, ed è pertanto organizzata per accogliere un gran numero di visitatori. Di conseguenza, l’offerta di alloggi, tra hotel, B&B e pensioni, è molto ampia. Tuttavia, prenotare in anticipo e cercare con cura è importante per trovare un alloggio che offra un buon rapporto qualità-prezzo.

Prima di prenotare, è consigliabile pianificare attentamente l’itinerario e le attrazioni da visitare, e quindi decidere in quale zona alloggiare. Nel centro storico di Firenze, ci sono numerose camere disponibili nei B&B e piccoli hotel a tre stelle, con un prezzo medio di circa 100 euro a notte. Se si opta per una sistemazione appena fuori dal centro storico, che comunque è facilmente raggiungibile a piedi, è possibile risparmiare qualcosa sul costo dell’alloggio o godere di una calda accoglienza.

Siccome in città ci sono tantissimi strutture, non voglio suggerirtene una specifica, ma puoi andare nel link qui sotto per prenotare in sicurezza quella che è meglio per le tue esigenze di viaggio. Ecco il link:

L’itinerario sul cosa vedere a Firenze termina qui. Spero di averti dato qualche buon suggerimento per la tua prossima vacanza!

Hai apprezzato i consigli? Clicca sulle stelle per votare

Voto medio 0 / 5. Voti: 0

Non perdere l'occasione: parti subito per il tuo prossimo viaggio!

Condividi o aggiungi ai preferiti:

Consigliati
Assicurazioni